1976-2016, 40 anni di storia per Bimec

0
297

foto aerea dei 2 capannoni

Eccellenza italiana nel campo del converting flessibile

Il 2016 è un anno molto importante per Bimec, che celebra i 40 anni di attività con la presenza a due appuntamenti fieristici di caratura mondiale. Appena chiusa l’esperienza in drupa, è già ora di pensare alla prossima K di ottobre, sempre a Düsseldorf. Ne parliamo in questa intervista con Elena Bottoli, in rappresentanza della seconda generazione alla guida dell’azienda di famiglia

Per i dettagli storici su Bimec, fondata nel 1976 da Luciano Bottoli, vi invitiamo a collegarvi al sito aziendale www.bimec.it dove è pubblicata una puntuale cronistoria di tutte le più importanti tappe che hanno visto coinvolta l’azienda nei suoi 40 anni di storia. Noi ci concentreremo sul presente e possibilmente sul futuro, dato che la continuità della gestione aziendale, è garantita dalla seconda generazione, cioè dai figli, Elena e Davide La gamma Bimec si compo ne di due linee principali di taglierine ribobinatrici: le taglierine bialbero con le serie STC, STB, STM e TBS e le taglierine a doppio cambio automatico con le serie TCA, disponibile in diverse configurazioni e MT A completare la gamma troviamo una serie di macchine complementari: le ribobinatrici reversibili con possibilità di ispezione della serie BDM, avvolgitori e svolgitori e la serie dei tagliamandrini TM sia manuale che automatico.

 

A tu per tu con Elena Bottoli, responsabile marketing e comunicazione di Bimec Srl

Foto famiglia 2016
La famiglia Bottoli

Quali sono i vostri principali mercati di riferimento?
“Non abbiamo mercati di riferimento specifici, avendo una struttura molto flessibile, ci rivolgiamo sia ad aziende piccole, medie che a quelle più strutturate o multinazionali riuscendo a soddisfare le diverse esigenze. La nostra rete commerciale e il nostro servizio di assistenza ci permettono di servire parecchie zone del mondo”.

 

Qual è il vostro concetto di innovazione e cosa deve fare oggi un’azienda per definirsi tale?
“Innanzitutto “non fermarsi mai”; bisogna essere sempre attenti alle nuove tendenze del mercato ma anche alle richieste dei clienti, che rappresentano per noi la migliore “fonte” di informazione, grazie ai loro suggerimenti, e anche alle critiche, che se costruttive ci permettono di migliorare sempre di più”.

 

TCA64C+ fronteQuali sono le principali esigenze che i vostri clienti converter vi sottopongono prima di ordinarvi una taglierina ribobinatrice?
“A noi piace essere considerati non solo costruttori di taglierine ribobinatrici ma anche consulenti a 360° riguardo le esigenze che il cliente ha quando ci sottopone il suo progetto di acquisto. La nostra lunga esperienza e l’ampia gamma di modelli di taglierine ribobinatrici ci permettono di valutare assieme al cliente qual è la macchina e l’equipaggiamento che meglio si adattano al tipo di lavoro e dei materiali che deve tagliare. Entrando invece nello specifico le maggiori esigenze tecniche sono la diminuzione dei tempi morti combinata alla semplicità di utilizzo del macchinario (user friendly). Inoltre vengono richieste macchine sempre più performanti ma che al tempo stesso abbiano un minor ingombro di spazio e che siano più compatte possibile. Il nostro programma di studio e ricerca è infatti mirato a soddisfare queste esigenze”. 40 anni di attività festeggiati partecipando a Drupa con un nuovo look.

 

Com’è andata la fiera e come state preparando la prossima K?
“La fiera è andata molte bene, siamo riusciti a concludere diversi ordini durante la manifestazione, ottenendo conferme e apprezzamenti dalla nostra clientela e dai visitatori per le continue migliorie che applichiamo alle nostre macchine. Quest’anno abbiamo voluto dare risalto al nostro anniversario e a festeggiare i nostri “primi quarant’anni”, per questo abbiamo portato sullo stand anche un nostro “cimelio”, una delle prime STC531 che abbiamo costruito e commercializzato. Un altro importante messaggio è che vogliamo comunicare e trasmettere al mercato che la seconda generazione è pronta per perseguire nuovi obbiettivi e le nuove sfide che l’attendono; dopo diversi anni in azienda io e mio fratello siamo ormai pronti a continuare a gestire l’azienda con i valori tramandati da nostro padre, nonché fondatore di Bimec. Anche alla fiera K verranno ribaditi questi concetti”.

 

TCA64C+ alla Drupa2016Con quale tecnologia vi siete presentati a drupa?
“A drupa abbiamo presentato in anteprima mondiale una nuova configurazione della serie delle nostre taglierine a cambio automatico, il modello TCA64C+ con carro di svolgimento semi-integrato. La caratteristica principale di questa taglierina è che in soli 3,5 metri di lunghezza permette di combinare i vantaggi della versione compatta con quelli della versione con carro di svolgimento separato, garantendo la possibilità di giunta su apposita tavola, un facile accesso alla zona di taglio, e un passaggio sotto pedana ridotto e ben isolato dal pavimento per garantire l’igiene ed evitare la contaminazione del materiale da particelle polverose. La macchina garantisce alte prestazioni, svolgendo bobine madri fino a un diametro max di 1000 mm e avvolge bobine finite fino a un diametro max di 600 mm, lavorando a una velocità massima di 800 m/min Assieme alla TCA64C+, abbiamo portato il nostro modello “best-seller” di sempre, la taglierina bialbero compatta, single-face, modello STM50. La sua struttura, il suo de­sign uniti alla semplicità d’utilizzo ne fa uno dei modelli più richiesti da sempre; la STM50 svolge bobine madri fino a un diametro max di 800 mm e avvolge bobine finite fino ad un diametro max di 500 mm e lavora a una velocità massima di 600 m/min Progetti futuri? “Dando già per assodata la nostra partecipazione alla fiera K nel prossimo mese di ottobre, ci stiamo concentrando sui nostri progetti per il 2017 nel corso del quale daremo il via all’organizzazione tecnico-operativa nel nostro nuovo stabilimento, lo sviluppo di un nuovo modello di taglierina bialbero e lo studio di nuove soluzioni integrate di scarico e movimentazione delle bobine finite a fine ciclo di avvolgimento, sempre più rapide e automatizzate. Non dimenticheremo infine di festeggiare l’anno del nostro anniversario e ringraziare tutti i clienti che hanno confermato la fiducia nella nostra azienda”.